Statuto Associazione Fil. Cult. Maria Tina Gurioli Lolli

Digitalizzato_20140601 (584x800)

L’ASSOCIAZIONE HA SEDE IN MALALBERGO (BO) E LAVORA IN TUTTA ITALIA.

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE FILODRAMMATICA CULTURALE MARIA TINA GURIOLI LOLLI

TITOLO I – DENOMINAZIONE – SEDE – DURATA

Art. 1 – E’ costituita ai sensi del decreto legislativo del 4 dicembre 1997 n.460, con sede in Ponticelli di Malalbergo (BO) via Cà Bianca 6, l’associazione denominata ASSOCIAZIONE FILODRAMMATICA CULTURALE “MARIA TINA GURIOLI LOLLI”.

Potranno essere istituite, in Italia o all’estero, sedi secondarie, filiali, sezioni e quant’altro occorra per il conseguimento degli scopi dell’associazione. La durata dell’associazione è illimitata.

TITOLO II – SCOPO – OGGETTO

Art. 2 – L’associazione non ha scopi di lucro, ed intende operare nella conoscenza e divulgazione della cultura musicale e in generale delle varie e plurime  forme artistiche, non solo come meri strumenti bensì come elementi attivi, affinché siano veri fattori di sviluppo della cultura con particolare attenzione all’Opera Lirica, all’Operetta, alla Mucica Sacra e Classica, a tutta la Musica e a tutte le varie forme artistiche in genere, ritenendo sia importante che la conoscenza non resti sapere di pochi ma diventi patrimonio dell’intera società.

Art. 3 – Per il conseguimento degli scopi anzidetti potrà: produrre, allestire e rappresentare concerti, opere liriche, spettacoli e manifestazioni artistiche varie, favorire e organizzare manifestazioni musicali, culturali, ricreative, rassegne, festival, conferenze, concorsi, premi, saggi, concerti, musical ed ogni altra forma di spettacolo legata alla musica e all’Arte in generale, attivare iniziative musicali e culturali, anche in collaborazioni con altri Enti Pubblici e Privati, Associazioni e/o Scuole, nella sfera dell’aggregazione sociale e del tempo libero, per la diffusione della cultura  sia musicale sia di altro genere artistico, collaborare con artisti, conferenzieri, esperti o altro personale specializzato, estraneo all’Associazione, per il compimento degli obiettivi statutari, svolgere qualsiasi altra attività  o iniziativa che si rivelasse utile a promuovere e a diffondere la conoscenza della cultura musicale e della cultura artistica in genere. A tal proposito potranno essere stipulate convenzioni con enti pubblici e con tutte le altre realta’ sul territorio che condividano gli scopi e attività dell’associazione, stipulare Convenzioni di qualsiasi genere con Enti Pubblici o Privati che siano considerate opportune ed utili per il raggiungimento degli scopi dell’associazione, partecipare e aderire ad associazioni, enti ed istituzioni, pubbliche e private, la cui attività sia rivolta, direttamente o indirettamente al perseguimento di scopi analoghi a quelli dell’Associazione medesima, promuovere ed organizzare spettacoli, manifestazioni, convegni, incontri, e tutte quelle iniziative idonee a favorire un organico contatto tra l’associazione e gli altri operatori degli stessi settori sia pubblici che privati; svolgere ogni altra attività idonea ovvero di supporto al perseguimento delle  finalità istituzionali.

TITOLO III – SOCI

Art. 4 – Il numero dei soci è illimitato ed hanno tutti gli stessi diritti e doveri. Possono essere soci dell’Associazione le persone fisiche e gli Enti che ne condividano gli scopi e che si impegnino a realizzarli. E’ esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa. I soci compongono, con facoltà di voto deliberativo secondo il principio di democraticità, l’Assemblea.

Art. 5 – Chi intende essere ammesso come socio dovrà presentare al Consiglio Direttivo domanda scritta, impegnandosi di attenersi al presente statuto e ad osservarne gli eventuali regolamenti e le delibere adottate dagli organi dell’Associazione.

Art.6 – I soci sono obbligati a versare il contributo associativo annuale stabilito in funzione dei programmi di attività, fisso indipendentemente dalla data di richiesta o di ammissione a socio e valido fino alla fine dell’anno solare in corso. Tale quota sarà determinata annualmente per l’anno successivo con delibera del Consiglio Direttivo e dovrà essere versata entro i tempi stabiliti sempre dal medesimo Consiglio Direttivo. Le quote associative non sono trasmissibili né rivalutabili ad eccezione del trasferimento a causa di morte.

TITOLO IV – RECESSO – ESCLUSIONE

Art. 7 – La qualifica di socio si perde per recesso, esclusione o per causa di morte.

Art. 8 – L’esclusione sarà deliberata dal Consiglio Direttivo nei confronti del socio: che non ottemperi alle disposizioni del presente statuto, degli eventuali regolamenti e delle deliberazioni legalmente adottate dagli organi dell’Associazione; che si renda moroso nel versamento del contributo annuale; che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli  interessi dell’Associazione; che, in qualunque modo, arrechi danni gravi, anche morali, dell’Associazione. L’esclusione diventa operante dalla annotazione nel libro dei soci.

Art. 9 – Le deliberazioni prese in materia di recesso, decadenza ed esclusione debbono essere comunicate ai soci destinatari mediante lettera.

TITOLO V – FONDO COMUNE/ ENTRATE DELL’ASSOCIAZIONE

Art. 10 –  Il fondo comune è costituito dai contributi associativi, da eventuali oblazioni, contributi e liberalità che pervenissero all’associazione per un miglior conseguimento degli scopi sociali e da eventuali avanzi di gestione. Costituiscono inoltre il fondo comune tutti i beni acquistati con gli introiti di cui sopra. Per il perseguimento delle finalità istituzionali, l’Associazione dispone delle seguenti entrate: delle quote e contributi degli associati, i legati, le eredità, le donazioni , i contributi dello Stato, di enti pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell’ambito dei fini statutari, eventuali contributi dell’Unione Europea e di organismi internazionali, erogazioni liberali degli associati e di terzi, altre entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo. Il fondo comune ed i proventi derivanti dallo svolgimento delle attività istituzionali, non sono mai ripartibili, anche in modo indiretto (salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge) fra i soci, durante la vita dell’associazione né all’atto del suo scioglimento.

ESERCIZIO SOCIALE

Art. 11 – L’esercizio sociale va dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Entro tre mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale il Consiglio Direttivo deve predisporre il bilancio che deve essere approvato dalla Assemblea degli associati entro quattro mesi  dalla chiusura dell’esercizio.

TITOLO VI – ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Art. 12 – Sono organi dell’Associazione; L’Assemblea degli  associati; Il Consiglio Direttivo; Il Presidente, Il Collegio dei Revisori dei Conti (se eletto).

ASSEMBLEE

Art. 13 – Le assemblee sono ordinarie e straordinarie. La loro convocazione deve effettuarsi mediante avviso da affliggersi nel locale della sede sociale almeno otto giorni prima dell’adunanza, contenente l’ordine del giorno, il luogo (nella sede o altrove), la data e l’orario della prima e della seconda convocazione, oppure inviata via lettera, via fax o via e-mail.

Art. 14 – L’Assemblea ordinaria approva il bilancio consuntivo, procede alla nomina delle cariche sociali, delibera su tutti gli altri oggetti attinenti alla gestione dell’Associazione riservati alla sua competenza dal presente statuto o sottoposti al suo esame dal Consiglio Direttivo, approva gli eventuali regolamenti. Essa ha luogo almeno una volta all’anno entro i quattro mesi successivi alla chiusura dell’esercizio sociale. L’assemblea si riunisce almeno una volta l’anno per l’approvazione del bilancio, e inoltre quante volte se ne ravvisi la necessità o quando sia fatta richiesta motivata da almeno un decimo degli associati.

Omissis……………

Bologna 30/05/13

P.IVA 03300661208